Salta al contenuto

Temi di tendenza

Il ransomware non si placa per una semplice ragione: funziona!

Samanta Fumagalli

10.01.17 2 minuti di lettura

Questa è una storia che è già stata raccontata migliaia, se non milioni di volte.

Un click sbagliato ed è fatta! I file cadono ostaggio di una crittografia inviolabile, e non c’è altro da fare se non arrendersi o pagare il riscatto.

C’è un motivo per cui i criminali informatici che sfruttano il ransomware offrono anche un supporto ai loro ‘clienti’: il motivo sono i soldi, ne stanno raccogliendo tanti, parliamo di miliardi. Ed è lo stesso motivo per cui tra Maggio 2012 e Maggio 2016 sono state scoperte 193 famiglie differenti di ransomware, con una media di 15 nuove famiglie identificate per ogni mese durante il terzo trimestre del 2016.

Insomma, il motivo è semplice: funziona.

Quindi vedremo nuove ripetizioni della stessa minaccia ma adattata in modo da diffondersi con maggiore facilità fino a quando non smetterà di essere così efficace.

Una delle chiavi per rallentare questa epidemia sei… tu. Se tu e le persone che ti stanno intorno siete dei facili bersagli, i criminali continueranno a fare soldi con lo stesso trucco.

Ci sono 5 modi per controbattere le minacce del ransomware e per proteggersi dalla maggior parte delle truffe online:

  1. Cambia modo di pensare.

1a

2. Controbatti — con i backup. La lotta contro il ransomware inizia da backup affidabili dei tuoi file.

3. Mantieni tutti i software aggiornati. Il ransomware spesso sfrutta falle presenti in vecchi software per entrare e prendere il controllo dei tuoi file.

4. Stai attento alle email, specialmente agli allegatiSii sospettoso nei confronti di link e allegati presenti nelle email. Ricorda, il tuo ufficio postale e l’Agenzia delle Entrate non ti inviano file zippati. E un documento che ti chiede di “Abilitare i contenuti” è presumibilmente una trappola. Quindi:

1b

5. Affidati a software di sicurezza affidabili. Usa software con un approccio a livelli che possa bloccare varianti ransomware note e nuove minacce — software come F-Secure SAFE, che puoi provare gratuitamente.

Se sei già stato infettato, i Laboratori di F-Secure hanno qualche consiglio per te per recuperare i dati. Ma purtroppo, per il ransomware, non c’è alcun processo di ‘recupero’ tanto efficace quanto la prevenzione.

Articolo tratto da “Ransomware Isn’t Slowing Down for a Simple Reason — It Works” di Sandra Proske, Head of Global Communications & Brand di F-Secure

Samanta Fumagalli

10.01.17 2 minuti di lettura

Leave a comment

Oops! There was an error posting your comment. Please try again.

Thanks for participating! Your comment will appear once it's approved.

Posting comment...

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Post correlati

Newsletter modal

Congratulazioni – ora puoi accedere al contenuto cliccando sul bottone sottostante.

Gated Content modal

Grazie del tuo interesse per la newsletter di F-Secure. Riceverai a breve un email per confermare la sottoscrizione.