Salta al contenuto

Temi di tendenza

La sorveglianza di massa pone ancora molti interrogativi e Snowden ce lo ricorda

Samanta Fumagalli

21.11.16 3 minuti di lettura

Quando nel 2013 Edward Snowden ha rivelato i dettagli dei programmi di sorveglianza di massa portati avanti dall’NSA, ha dato inizio a un acceso dibattito sulla privacy e la sicurezza digitale. La discussione ha raggiunto il suo apice qualche mese fa, quando Apple si è rifiutata di eseguire un’ordinanza del tribunale presentata dall’FBI in cui si chiedeva di accedere all’iPhone del sospetto terrorista Syed Farook della strage di San Bernardino. Nel frattempo, giornalisti e attivisti sono sempre più sotto attacco da parte di agenti stranieri.

Sono passati più di 3 anni dalle rivelazioni di Snowden sulla NSA… ed è facile dimenticare che la sorveglianza di massa solleva molte domande. In un episodio di Vice News intitolato “Stato di sorveglianza,” Shane Smith (fondatore di Vice) è andato a Mosca per incontrare l’uomo che ha dato inizio a tutto questo, Edward Snowden. In una lunga intervista Snowden ha sollevato tre importanti questioni relative alla sorveglianza di massa. L’uscita nei prossimi giorni del film Snowden nelle sale cinematografiche italiane è l’occasione per soffermarci su alcune sue considerazioni.

Perché preoccuparsi della sorveglianza di massa?

Perché non si sa mai cosa può succedere… un giorno i tuoi dati potrebbero anche essere usati contro di te. “Anche se oggi vi fidate del vostro governo, chi può dire che un giorno questo possa cambiare?”, dice Snowden nell’intervista a Vice News. “Tu sarai vulnerabile di fronte a un sistema di sorveglianza già fermamente radicato. Cosa succederà quando qualcuno dirà: Sai una cosa? Utilizzeremo a pieno regime questo sistema di sorveglianza per assicurare la stabilità della nostra nuova amministrazione.”

I programmi di sorveglianza di massa servono soprattutto per scovare i terroristi. Ma secondo Edward Snowden, il sistema è destinato al fallimento.

Ho lavorato per la NSA – spiega Snowden – durante l’inchiesta che seguì il bombardamento della maratona di Boston. Stavamo guardando la notizia da noi dicendo che gli autori probabilmente erano già inclusi nei nostri database. E sono abbastanza sicuro che a Parigi, le nostre controparti stavano dicendo la stessa cosa. Questo è il problema della sorveglianza di massa: quando si controlla tutto e tutti, in realtà si hanno anche informazioni su individui pericolosi. Sono incluse nel database. Si hanno quindi a portata di mano le informazioni necessarie per fermare e prevenire le peggiori atrocità … sì, ma a patto che tutti quei dati si riescano a interpretare. E’ un dato di fatto: la sorveglianza di massa non è efficace per prevenire attacchi di questo tipo e non lo è mai stata.”

Poi cita due commissioni indipendenti che la Casa Bianca ha ingaggiato per valutare i programmi di sorveglianza di massa. Entrambe sono giunte alla stessa conclusione: la sorveglianza di massa non è riuscita a prevenire gli attacchi terroristici. E si sono raccomandate di porre fine a questi programmi.

Se questi programmi sono inefficaci, perché i politici non decidono di interromperli?

Perché nessuno vuole assumersi la responsabilità di un nuovo attacco terroristico. Anche se la responsabilità è attribuita alla persona sbagliata.

Queste misure sono legate al concetto di lotta contro il terrorismo. I politici, pertanto, non vogliono assumersi la responsabilità di mettersi contro questi programmi di sorveglianza di massa, anche se sono inefficaci. Sanno che ulteriori attacchi terroristici possono accadere. Naturalmente, i loro avversari politici li useranno a loro vantaggio e verranno stigmatizzati. Ma questo atteggiamento otterrà un certo successo. Poiché viviamo in un tempo – conclude Snowden – in cui la politica della paura è più convincente di quella dei fatti“.

Puoi vedere l’intero episodio «Stato di sorveglianza» con Edward Snowden e Shane Smith su Vice News.

Guarda qui il trailer del film in uscita il 24 novembre a Milano e Roma e in tutto il resto d’Italia il 1 dicembre.

E se stai pensando che è il caso di iniziare a proteggere la tua privacy e sicurezza online, prova Total Security & Privacy di F-Secure.

 

Sicurezza e privacy complete

Sicurezza e privacy complete

Samanta Fumagalli

21.11.16 3 minuti di lettura

Leave a comment

Oops! There was an error posting your comment. Please try again.

Thanks for participating! Your comment will appear once it's approved.

Posting comment...

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Post correlati

Newsletter modal

Congratulazioni – ora puoi accedere al contenuto cliccando sul bottone sottostante.

Gated Content modal

Grazie del tuo interesse per la newsletter di F-Secure. Riceverai a breve un email per confermare la sottoscrizione.