Salta al contenuto

Temi di tendenza

Riesci a tenere traccia di tutti i dispositivi presenti nella tua “casa connessa”?

Marzia Romeo

31.07.20 3 minuti di lettura

Scarica il report

Un nuovo report F-Secure, The Connected Home’s Second Wave, evidenzia come una nuova generazione di early adopter nelle famiglie sta guidando il tentativo di rendere le case intelligenti più funzionali.

Il rapporto esamina le indagini sui consumatori di 11 paesi e rileva che l’esplosione dei dispositivi online è iniziata a metà dell’ultimo decennio, guidata dalla massiccia adozione di smart TV. Ciò ha portato alla creazione di centri di intrattenimento domestico intelligenti con dispositivi di streaming connessi a Internet, sistemi di altoparlanti e console di gioco.

Negli ultimi anni è iniziata una “seconda ondata” della rivoluzione connessa. I consumatori hanno richiesto e i produttori hanno fornito dispositivi che offrono più del solo intrattenimento. Con gli altoparlanti intelligenti, come Amazon Echo e Google Home, le case con termostati, sistemi di sicurezza e serrature ad attivazione vocale, tutti connessi a Internet, sono diventate all’ordine del giorno.

La maggiore funzionalità ha reso le case intelligenti più personali e i dati raccolti dai dispositivi sono ancora più intimi. Ben oltre la metà, il 60% dei consumatori, si preoccupa che un utente malintenzionato possa attaccare i propri dispositivi domestici intelligenti, anche se queste preoccupazioni variano da paese a paese.

Anche i problemi di privacy perseguitano i proprietari di case intelligenti.

Quasi sei su dieci, il 59%, temono che qualcuno raccolga le loro informazioni personali, mentre il 55% si preoccupa che qualcuno tenga traccia del loro comportamento online. Il 51% ha espresso preoccupazione sul fatto che qualcuno possa guardare cosa succede in casa e il 48% ha ansia sulla possibilità che qualcuno possa ascoltarlo attraverso i propri dispositivi domestici intelligenti.

Intelligenti vs. stupidi

La connessione di un dispositivo a Internet ha senso per i consumatori se ciò offre loro un vantaggio. Ma i produttori spesso vogliono connettere le cose al web perché c’è qualcosa che li avvantaggia: i dati.

E la possibilità di tenere traccia di quali dispositivi vanno online e quali no sarà probabilmente più difficile in futuro.

“Dato che la connettività diventa sempre più economica, alla fine, non saranno solo le ‘cose intelligenti’ ad andare online, saranno le cose stupide”, ha dichiarato Mikko Hypponen, Chief Research Officer di F-Secure.

Mikko ritiene che più connettività aggiungiamo alle nostre case, più vulnerabilità creiamo.

“E in realtà sono molto più preoccupato per le cose stupide online che per le cose intelligenti”.

Quindi quanti dispositivi “smart” possiedi?

Il fenomeno di cui Mikko sta allertando potrebbe già diventare realtà.

connected home devices by country

Il report rileva che i dispositivi domestici connessi sono diventati così intrecciati alle nostre vite che può essere difficile tenerne traccia. Cisco ha recentemente scoperto che la casa americana media ha 8,4 dispositivi domestici connessi, molto più dei 5,37 riportati dagli intervistati del sondaggio di F-Secure.

I nuovi genitori nella categoria degli early adopter possono facilmente finire ad avere diversi dispositivi collegati dedicati al monitoraggio del benessere di un bambino appena nato. Dai cardiofrequenzimetri intelligenti alle bacinelle intelligenti o a diverse webcam, l’accumulo di dispositivi collegati può rapidamente affiancarsi ai molteplici dispositivi online che spesso accompagnano le smart TV.

Se non riesci a tenere traccia di tutti i tuoi dispositivi “intelligenti”, come puoi anche solo iniziare a proteggerli?

Scarica il report
Marzia Romeo

31.07.20 3 minuti di lettura

Lascia un commento

Oops! There was an error posting your comment. Please try again.

Thanks for participating! Your comment will appear once it's approved.

Posting comment...

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Post correlati

Newsletter modal

Grazie del tuo interesse per la newsletter di F-Secure. Riceverai a breve un email per confermare la sottoscrizione.

Gated Content modal

Congratulazioni – ora puoi accedere al contenuto cliccando sul bottone sottostante.